FUA 2011-2012, stralcio 2013 Ministero Infrastrutture e Trasporti

    Ieri sono stati firmati gli accordi FUA 2011 e quello 2012 per i lavoratori del Ministero Infrastrutture e Trasporti, più un accordo “stralcio” per il FUA 2013.

Nella sezione Accordi MInistero (link a fondo pagina) sono disponibili i testi degli accordi (ipotesi di accordo in attesa della prevista certificazione degli organi di controllo).

    FUA 2011/2012

    I due accordi sono sostanzialmente identici e non sono stati sottoscritti dalla USB.

    I contenuti posso essere così sintetizzati:

  • Produttività”: indennità a tutti in relazione al raggiungimento dell’obiettivo da parte dell’ufficio di appartenenza, più una quota parametrata alle presenze;

  • sanatoria” per le indennità per turni e reperibilità;

  • indennità centralinisti non vedenti (aumentate dal 2013)

    La USB come detto non ha siglato i due accordi, contrariamente alla maggioranza delle altre OO.SS., (CGIL,CISL,UIL,UGL, UNSA) con le seguenti motivazioni:



    1) Per quanto attiene alla retribuzione dellaproduttività(ridotta peraltro ormai a circa 30 euro al mese pro-capite), sulla base dei falsi criteri meritocratici stabiliti dalla norma Brunetta, la USB ribadisce tutta la propria contrarietà al D.lgs 150/2009 perchè penalizza e discrimina il salario, i diritti e la dignità dei lavoratori e VA ABROGATA!

    Le altre sigle, invece, la avallano nei protocolli ARAN e negli accordi FUA.

    Non a caso CGIL CISL e UIL premono per la riapertura del CCNL Ministeri per la SOLA PARTE GIURIDICA E NON ECONOMICA, affinchè il contratto recepisca inesorabilmente le parti peggiori della suddetta norma vigente,sdoganandoladefinitivamente ed in fretta e con essa la sua ratio reale e cioè lo smantellamento del Pubblico Impiego ed i risparmi sui servizi e sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini.

    2) Si è deciso di pagare, per l’ennesima volta con il FUA di tutti, prestazioni accessorie (turni e reperibilità), autorizzate dalla dirigenza, non solo senza la preventiva consultazione del sindacato, in violazione del contratto, ma senza nemmeno renderne una chiara rendicontazione successiva.



 

    3) Le parti al tavolo hanno ritenuto infine di “liberare” nel FUA le risorse ex RID, (euro 532.180) che le stesse avevano congelato con la motivazione di “attendere l’inquadramento definitivo del personale” proveniente dall’ente soppresso (dal FUA 2008).

    Ci permettiamo di far notare che l'inquadramento non ci sembra proprio definitivo visto che l’Amministrazione sta applicando ai lavoratori diversi contratti collettivi (sic! - vedi questo link);

    eppure le sigle, che al tempo del “congelamento” cantarono vittoria (di chi?), cambiano ora idea. Quando si dice la coerenza!

    Un “trattamento” non dissimile rischiano oggi i lavoratori ex IVCA, quando i legali di quei sindacati porgeranno loro il braccio ben teso... ed i portafogli aperti.

    La USB, al contrario, ha ribadito la propria richiesta di un accordo sindacale, unica strada certa per risolvere definitivamente la vertenza, attribuire ai lavoratori il giusto e recuperare poi risorse aggiuntive ed eventuali risparmi sul FUA (reperibilità, CPA, formazione, ecc.)

    ACCORDO STRALCIO 2013

    Si è trattato in sostanza di anticipare la parte di accordo FUA 2013 che riguarda turni e reperibilità e l'aumento delle indennità di legge ( centralinisti non vedenti ed ipovedenti nel caso del MIT).

    USB avendo registrato (finalmente) in detto accordo l’impegno a consultare le OO.SS. a partire da ottobre di ogni anno (quindi a valere dal 2014) per attivare i turni e le reperibilità localmente, una volta indicati in generale i settori dove ciò è possibile, ha sottoscritto tale impegno e siglato l'accordo stralcio.

    Positivo, come sostenuto dalla USB e dalle altre sigle, l'aumento progressivo per un pur limitato adeguamento, nei tre anni, della indennità per i centralinisti non vedenti ed ipovedenti.

    LA USB ha inviato nei giorni scorsi la richiesta di incontro (link sotto) al Ministro Lupi sulle molteplici problematiche del Ministero da affrontare .

    Il Coordinamento USB del Ministero Infrastrutture e Trasporti.

    sotto i testi  degli accordi