USB Informa: Motorizzazione Roma e sedi Lazio Accordo sull'orario di lavoro

 

 

ACCORDO DEFINITIVO NON SOTTOSCRITTO DALLA USB PI - VEDI FINE PAGINA


Aprile 2016

Si è svolto in data odierna, presso la sede UMC di Via Salaria,  un incontro tra la delegazione di parte A questo link sono riepilogate le fasi della contrattazione avvenuta nel mese scorso che hanno  portato alla definizione dell'accordo.pubblica presieduta dal Direttore UMC Roma ing. Paolo Amoroso ed i rappresentanti delle OO.SS. e della RSU per proseguire il confronto sul nuovo orario  di servizio e di lavoro per le sedi dell'UMC di Roma (Salaria-aurentina ) e Sezioni di   Frosinone Latina Rieti  e Viterbo.

Il Direttore  ha condiviso, la  proposta della USB, della RSU e con l'accordo delle altre sigle presenti in merito alla  importanza di completare il lavoro svolto adottando un accordo sindacale per regolamentare compiutamente gli istituti del nuovo orario di lavoro.

La USB prende atto della disponibilità dell'Amministrazione; come già infatti detto nel nostrvedi qui nota a verbaleo precedente comunicato l'interpretazione drastica della norma che riduce la materia di relazione alla sola "informativa" ai rappresentanti, persino sulle delicate materie dell'orario del lavoro avrebbe effetti negativi.

Non a caso è prevista,  dalla direttiva  CUG/DFP, nella  materia dell' orario di lavoro, anche la consultazione del Comitato Unico di garanzia contro le discriminazioni  (CUG),  organismo ora costituito. A maggior ragione vista anche la consistenza delle sedi UMC interessate (tutto il Lazio).

Attendiamo quindi che l'Amministrazione trasmetta la proposta di Accordo, che dovrà ora essere oggetto di valutazione definitiva ed incontro per la sottoscrizione, proposta che trasmetteremo non appena possibile alle lavoratrici ed ai lavoratori degli UMC per le ulteriori valutazioni di tutti.

SOTTO ALLEGATA LA PRIMA BOZZA DI ACCORDO TRASMESSA IL 4 aprile u.s.

Esecutivo USB PI Ministero Infrastrutture e Trasporti 

4 aprile 2016@usb.it


AGGIORNAMENTO 18 APRILE

La USB PI ha inoltrato in data odierna una proposta integrazione e modifica del testo. (sotto allegato)

L'accordo, da sottoscrivere qualora  condiviso nella riunione del 22 aprile p.v.,  sarà discusso nelle assemblee con i lavoratori che la USB ha convocato presso:

Via Salaria  alle ore 13-15 del 19 aprile (Aula4)

Via Laurentina alle ore 13-15 del 20 aprile (Sala riunioni 1 piano)

Invitiamo i colleghi delle sedi coordinate a far pervenire i loro contributi.

USB PI MIT


AGGIORNAMENTO 27 APRILE

ACCORDO ORARIO LAVORO UMC ROMA E LAZIO - FUMATA NERA

Nella riunione in data odierna con le OO.SS. e le RSU l'Amministrazione ha avviato la discussione sull'ultima proposta di accordo che sembrava  destinata ad una valutazione finale ed alla eventuale sottoscrizione a seguito della sintesi dopo molteplici incontri e consultazione dei lavoratori.

La nostra sigla  ha preso atto della apertura  al confronto dell'Amministrazione nel percorso seguito dal direttore  Ing.  Paolo Amoroso.

L'Amministrazione aveva accolto alcune delle proposte della USB Pubblico Impiego.


VEDI SOTTO BOZZA DI ACCORDO definitivo Ver3

La USB PI  e le altre sigle presenti (CGIL Fp, SAMC  e Federazione  Intesa) così come la RSU, si sono dimostrate sostanzialmente disponibili ad accogliere l'impianto proposto per la sottoscrizione.

Tuttavia molte perplessità sono emerse con riferimento ad un  punto specifico e cioè la previsione dell'Amministrazione della "badgiatura" della pausa pasto.  (art 4 comma 10 - Pausa pranzo)

Dopo varie  considerazioni l'Amministrazione,  ha quindi  deciso di aggiornare la riunione perchè ritene necessario fare ulteriori proprie valutazioni proprio sul punto specifico.

I termini della questione sono alquanto chiari.

L'Amministrazione ha la necessità di verificare le modalità di fruizione della pausa.

Tuttavia la USB aveva proposto di non obbligare i lavoratori alla "badgiatura" anche nel caso di permanenza in sede (30 minuti sottratti invece in automatico, salvo diversa certificazione anche attraverso firma in caso di eventuale pausa prolungata fino ad un ora).

Allo stesso tempo è di piena evidenza (certamente lo è per la nostra O.S.) il fatto che  non sia in alcun modo giustificabile l'uscita dei lavoratori dal perimetro delle sedi di lavoro effettuata senza eseguire coerentemente la "badgiatura"; questo rappresenterebbe u@usb.itna grave inadempienza  sanzionabile con procedimenti disciplinari anche molto seri. (Abbandono ingiustificato del posto di lavoro).

Il controllo e la verifica del corretto operato sono demandate alla responsabilità dirigenziale.

E' peraltro evidente che l'ipotesi di rilevazione della pausa anche per i dipendenti che rimangono all'interno sede  ha rilevanza generale ed è connessa alla presenza di servizi di ristoro e strutture adeguate.

Attendiamo tuttavia le nuove valutazioni dell'Amministrazione  in attesa della convocazione del  prossimo incontro.


AGGIORNAMENTO 10 MAGGIO 2016

ACCORDO ORARIO LAVORO UMC ROMA E LAZIO - CONVOCAZIONE RSU ed OO.SS.  GIOVEDI' 12 MAGGIO

L'Amministrazione ha convocato le organizzazioni sindacali per la discussione definitiva del testo sintetizzato dopo le riunioni dei giorni scorsi.

Come abbiamo informato nel nostro precedente comunicato l'Amministrazione si era riservata di apportare alcune modifiche al testo per sottoporlo poi alla sottoscrizione delle@usb.it parti.

Sotto in allegato le modifiche proposte dall'Amministrazione riguardanti, tra l'altro, gli orari di apertura al pubblico delle sezioni coordinate e la rilevazione della pausa.
Il testo completo dell'accordo è sempre disponibile seguendo i link sottostanti.



AGGIORNAMENTO 19 MAGGIO 2016 

ULTIMO ATTO: MA IL PROBLEMA E’ LA PAUSA PASTO?

LEGGI SOTTO IL COMUNICATO USB

 Altro colpo di scena: la RSU, CGIL UIL ed INTESA si sono dichiarate disponibili a firmare non l’ultimo testo, ma quello della versione precedente (27 aprile) che quindi l’Amministrazione ha “riadottato”, chiedendo quindi alle sigle di firmare o meno.

Ciò che è veramente incredibile è che andando a confrontare la versione precedente con l’ultima modificata le due versioni, al di là di aspetti meramente formali, differiscono solo per LA PAUSA PASTO. O meglio per la “rilevazione” della pausa.

Nell’ultima versione l’Amministrazione aveva tolto l’obbligo della “badgiatura” della pausa per chi fruisse rimanendo in sede (tolta così in automatico dalle 14 alle 14,30 salvo scelta diversa), come chiesto anche dalla USB, ma non solo.

La RSU e le sigle suddette, facendo una “inversione ad U” hanno invece chiesto di ripristinare la versione precedente, cioè quella che obbliga i lavoratori a “badgiare” comunque la pausa.

LEGGI SOTTO L'INTERO COMUNICATO IN MERITO ALLA BADGIATURA DELLA PAUSA PASTO E:

PARTECIPA ALLA CONSULTAZIONE USB QUI AL LINK REFERENDUM OPPURE DALLA FINESTRA SOTTO


ACCORDO DEFINITIVO USB NON FIRMA SOTTO IL TESTO DELL'ACCORDO

(ACCORDO DEL 12 MAGGIO 2016)

Si è concluso nei giorni scorsi  il confronto tra Amministrazione ed OO.SS. in merito al nuovo accordo sull'orario di lavoro per le sedi UMC di Roma, Rieti, Latina, Frosinone e Viterbo.

A fondo pagina il testo del nuovo accordo sottoscritto da UIL CGIL INTESA ed RSU e non dalla USB.


La USB non ha sottoscritto l'accordo nella sua versione finale, (vedi sotto nota a verbale)  pur condividendone in buona parte l'impianto, in quanto non ha ritenuto accettabile ed anzi  discriminatorio obbligare alla rilevazione della pausa pasto mediante "badgiatura",  anche i lavoratori e le lavoratrici che ne fruiscono rimanendo in sede, quando negli altri uffici del MIT la rilevazione della pausa avviene, in tal caso, in maniera automatica, così come previsto nell'ultima versione dell'accordo poi ritirata dall'Amministrazione.

La USB prima di sottoscrivere o meno la versione definitiva aveva chiesto chiarimenti ulteriori all'Amministrazione e sottoposto la questione alla consultazione a distanza dei lavoratori (referendum sul nostro sito che ha visto l'85% dei colleghi sfavorevoli alla "badgiatura").

L'Amministrazione, a motivazione scelta di far "badgiare" la pausa poi condivisa da tutte le OO.SS. firmatarie, ha spiegato alla USB che, nel solo caso (?) in cui i lavoratori effettuino la pausa all'interno,  per essere autorizzati ad eseguire lavoro straordinario, devono aver effettuato la rilevazione manuale (badgiatura) della pausa. 
Una interpretazione arbitraria e che espone caratteri di incongruenza, ma che soprattutto crea un  precedente nel ministero.



USB P.I. 
Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego  MIT

                                             

 


p/Esecutivo USB PI MInistero Infrastrutture e Trasporti  Coordinamento lavoratori MIT

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni