INFRASTRUTTURE E TRASPORTI - le proposte della RDBCUB sulla formazione dei lavoratori e sui nuovi profili professionali

Nazionale -

 

 

 

Alla Direzione Generale per il Personale AAGG

 

Ministero Infrastrutture e Trasporti

 

SEDE Fax 0644122302

 

OSSERVAZIONI  RdB PI SULLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

 

             In merito alla proposta di accordo sull’attività formativa presentata dall’amministrazione nell’incontro del 20 maggio 2009, la RDBCUB, ritenendo che tale accordo non possa essere disgiunto dalla conclusione dell’accordo sull’individuazione dei nuovi profili professionali, ribadisce che la partecipazione alle attività di formazione è un diritto e un dovere di tutti lavoratori: a giudizio della scrivente, l’adeguamento e la crescita delle capacità professionali di tutti i lavoratori è una condizione necessaria al corretto funzionamento della pubblica amministrazione, indipendentemente dal diritto irrinunciabile degli stessi lavoratori alla progressione economica e all’adeguamento stipendiale al costo della vita, che devono essere comunque garantiti alla totalità dei lavoratori stessi.

 

La RDBCUB ribadisce inoltre che la partecipazione alle attività di formazione, come previsto dall’art. 25, punto 3, del vigente CCNL di comparto (2006-2009), debba essere garantita di norma a tutti i dipendenti che ne facciano richiesta, limitando eventuali restrizioni ai soli casi di assoluta impossibilità di estensione, casi da individuare comunque mediante appostiti accordi con le organizzazioni sindacali. A tal fine la RDBCUB propone di formare un’apposita commissione collegiale permanente, composta pariteticamente da rappresentanti dell’amministrazione e delle organizzazioni sindacali, con il compito di esaminare ed esprimersi in ultima istanza sulle questioni concernenti la formazione dei lavoratori.

 

In relazione alla proposta presentata, in particolare, osserva quanto segue:

 

-         la necessità di assicurare effettiva pubblicità e trasparenza, associando agli strumenti già adottati, la comunicazione diretta via e-mail a tutti i lavoratori di ogni singola proposta o attività di formazione;

 

-         la necessità di sottoporre il ricorso ad enti di formazione (punto E della proposta), indifferemente se a titolo oneroso o gratuito, all’approvazione della predetta commissione collegiale paritetica;

 

in merito al punto F,

 

-         si ritiene necessario procedere, in via prioritaria e necessariamente propedeutica all’attuazione del punto stesso, all’attribuzione delle mansioni e funzioni svolte da TUTTI i lavoratori, per mezzo di una procedura unica (ordine di servizio o simile), come pure si ritiene necessario sottoporre la programmazione prevista al 2 comma dello stesso punto all’approvazione della citata commissione; 

 

-         si ritiene necessario, al fine di assicurare l’effettiva applicazione dei principi di imparzialità ed eguaglianza, che l’autorizzazione prevista dai commi 4, 5 e, in particolare, dal comma 6 (concernente l’impossibilità dell’estensione della formazione a tutti i lavoratori e l’individuazione di eventuali casi di esclusione) sia decisa dalla commissione citata (che, comunque, dovrà stabilire in proposito dei criteri generali e oggettivi), su proposta motivata e documentata dei direttori generali;

 

-         si ritiene necessario anche che l’individuazione dei titoli di formazione rilasciati (con o senza accertamento o giudizio finale), previsti dal comma 8, sia affidata alla citata commissione, che dovrà approvare anche la definizione del tipo di formazione relativa (formazione, addestramento, aggiornamento, qualificazione o riqualificazione);

 

In relazione alla proposta di programma triennale presentato, la RDBCUB ritiene che debba essere integrato con l’inserimento, all’interno dell’area della sicurezza, di settori di formazione dedicati alla sicurezza delle infrastrutture (concernente le attività ispettive nelle scuole, sugli appalti, sulle dighe, etc.), alla sicurezza della navigazione marittima e aerea e con la previsione, ai sensi della legge 150/2000, di un’area della comunicazione, disgiunta dalle aree informatica e linguistica.

28 maggio 2009

 

COORDINAMENTO NAZIONALE RDBCUB

MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI

Pasquale Aiello - Massimo Mancini – Lorenzo Piangatelli – Maria Volpe Rinaldi

 

 

Nell'allegato la proposta presentata dall'amministrazione (linee formazione)


SOTTO LE OSSERVAZIONI  RdB PI E PRIMA CONTROPROPOSTA SUI NUOVI PROFILI PROFESSIONALI DA INDIVIDUARE NEL MINISTERO (LUGLIO 2009)

(in allegato)

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni