Riorganizzazione MIT USB SOSTIENE STATO DI AGITAZIONE RSU Ministero Infrastrutture e Trasporti

Roma -

 

 USB PUBBLICO IMPIEGO DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE DEL MIT E SOSTIENE LE RSU.


La USB PI, nelle assemblee in preparazione dello Sciopero generale del Pubblico Impiego del 10 maggio u.s. aveva condiviso con i lavoratori del MIT, le gravi preoccupazioni sulle  conseguenze delle politiche scellerate dell'attuale governo che, porta avanti  con determinazione lo  "spezzatino" del ministero Infrastrutture e Trasporti, già avviato dai precedenti governi, con  accelerazioni di segno negativo!

Infatti, tra Agenzie fantasma (ANSFISA),  Strutture tecniche di progettazione (Demanio Spa), Agenzie dighe (ANDIG),  Infrastrutture SpA, affidamenti "sottobanco" dei servizi Trasporti/MCTC ai privati (revisione mezzi pesanti, documento unico PRA, funzioni USTIF, collaudi, ecc. ), i tentativi di aggressione alle funzioni del  MIT si moltiplicano quasi giornalmente, nella più totale confusione tra  proclami e smentite del governo e  social e media.

Intanto, i lavoratori del MIT che denunciano malamministrazione vengono tacitati, mentre il ministero debole lascia a “briglia sciolta” concessionarie come gruppo F.S. che ormai quotidianamente mettono a tacere, con ritorsioni mirate, i lavoratori ed i nostri delegati ed RLS che denunciano pericoli per la sicurezza ferroviaria.

In questo quadro il Ministro Toninelli ha anche il coraggio di rivendicare un sistema “premiale” di valutazione MIT decisamente iniquo e soprattutto “strabico”, perchè non guarda mai ai dirigenti, ma diventa sbilanciato e sempre più frequentemente ritorsivo proprio per i lavoratori dipendenti che cercano di fare il loro dovere colpevoli di chedere diritti e chiarezza.  Un sistema iniquo peggiorato dall’attuale ministro perchè va a colpire meschinamente persino  il diritto di ammalarsi (vedi prossimo comunicato USB).



Una condizione generale di debolezza del Ministero che è insostenibile e  pericolosa per tutti  (Infrastrutture, Trasporti,Protezione Civile.)

 

E' ORA DI DIRE BASTA!

La USB Pubblico Impiego Ministero Infrastrutture e Trasporti sostiene la iniziativa della RSU Sedi Centrali che ha deliberato in assemblea del 22 maggio u.s. lo stato di agitazione dei lavoratori e dichiara a sua volta lo stato di agitazione dei lavoratori MIT.

Nella mozione di assemblea vedi qui il link  pubblicata sul sito Spidernet MIT della RSU,   i lavoratori così come la nostra O.S. invitata,  hanno infatti dato pieno supporto alla suddetta azione di lotta della RSU.

La RSU Sedi Centrali  ha il merito di aver messo il cosiddetto  "dito nella piaga" centrando e denunciando con forza uno degli effetti peggiori derivanti dalle politiche sul pubblico impiego che lavoratori e lavoratrici vivono sempre più con condizioni di stress crescente e non certo secondario:  l'organizzazione degli uffici.
O meglio la loro disorganizzazione. Molti dirigenti nascondono oggi le contraddizioni ed i problemi nel sistema pubblico con la mancanza di trasparenza fino a manifestare arroganza nell’operare e nelle relazioni sindacali, che rifuggono, rispetto al tema centrale della organizzazione dei propri uffici.  A cominciare dal Capo del Personale del MIT che chiude ogni dialogo con i rappresentanti e da per così dire il "LA" agli altri dirigenti.   I titolari "esclusivi"del "potere organizzativo" nel  MIT diventano così  non coloro che, "tutti nella stessa barca", subiscono gli effetti di riduzioni di risorse,  ma  ESSI STESSI PARTE DEL PROBLEMA , mentre  dovrebbero opporsi al processo di degrado voluto da un sistema politico che invece di riorganizzare il ministero,  dichiara a parole di volerlo potenziare, ma poi di fatto lo destruttura. 

Noi della Unione Sindacale di Base  INSIEME ALLE RSU ED AI LAVORATORI DEL MIT VOGLIAMO ESSERE INVECE PARTE DELLA SOLUZIONE e senza rinunciare ad evidenziare le responsabilità dei vertici MIT e dei dirigenti MIT, come ben sottolineato oggi dalla suddetta RSU.

LA USB INVITA ANZI TUTTE LE RSU NELLE VARIE SEDI E SETTORI MCTC PROVVEDITORATI CAPITANERIE, A CONFRONTARSI CON I LAVORATORI IN ASSEMBLEA ED INDIRE ANCHE ESSI LO STATO DI AGITAZIONE,   RELAZIONANDOSI CON ATTEGGIAMENTO COSTRUTTIVO MA FERMO CON LE PROPRIE CONTROPARTI, OGNUNO CON  LE ARGOMENTAZIONI E CRITICITA' LAVORATIVE  DEL PROPRIO SETTORE (tutti in crisi purtroppo!),  MA TUTTI INSIEME PER LA DIFESA DEL SERVIZIO PUBBLICO E DELLA DIGNITA' DEI LAVORATORI MIT.

La USB auspica la convergenza di tutti i soggetti sindacali, RSU ed RLS (eliminazione rischio stress lavoro correlato art. 28 d.lgs 81/08) in un percorso di iniziative di contrasto condivise e necessarie, che potrà svilupparsi prima dell’estate e nel corso dell'anno affinchè arrivino finalmente le risposte attese.

USB PI MIT HA INDETTO CON NOTA AL MINISTRO TONINELLI al GOVERNO ed organismi preposti lo STATO DI AGITAZIONE di tutto il personale del MIT:

-- contro arroganza di quei dirigenti che  nascondono  le carenze e le contraddizioni dei vertici: si avvii subito la riorganizzazione del ministero con modalità trasparenti

-- non si può tollerare la espropriazione “accelerata”  di funzioni MIT a vantaggio di interessi esterni e  gestioni privatistiche (aumento di corruzione e con costi a bilancio dello Stato quintuplicati)
 
-- no allo svuotamento professionalità e salario MIT  Basta ipocrisie sulle risorse i soldi ci sono!  (equità-incremento del salario adeguiamo il MIT ai ministeri meglio pagati  ma che hanno stesse, se non minori, risorse e competenze)

-- basta con i decreti di  urgenza, in attesa della prossima tragedia! - ritiro della Agenzia ANSFISA -  Blocchiamo le “manine” che ghermiscono materie correlate alla sicurezza MIT a fini privati  mettendo in  pericolo grave i cittadini per il  presente e per il futuro attraverso agenzie, centrali di regia e strutture asservite alla politica.

 -- basta con la cooptazione di personale dirigenziale con procedure non trasparenti:  i dirigenti che non sono in grado di sostenere gli obiettivi con modalità trasparenti ed efficaci si facciano da parte.

-- si attivi una politica dei fabbisogni e distribuzione del personale condivisa e non discriminatoria - stop agli "interpelli selvaggi", stabilizzazioni chiare ed  assunzioni 

-- il MIT si riappropri del ruolo strategico per lo Stato nelle materie di propria competenza

-- calcolo effettivo degli introiti MIT a finanziamento di indennità,  compensazioni salariali come avvenuto in altri ministeri formazione e  fondi per progressioni vere STOP alla firma di accordi FUA a perdere


USB sollecita tutte le RSU MIT a farsi analogamente parte attiva auspicando la convergenza di tutte le OOSS per avviare attraverso tutte le necessarie iniziative di lotta che saranno messe in campo una fase di interlocuzione  serrata con i vertici ministeriali ormai ineludibile e necessaria.

USB   Pubblico Impiego Ministeri Infrastrutture e Trasporti  

Coordinamento USB MIT www.mit.usb.it

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni